FLIPPED CLASSROOM (o didattica capovolta)

Partendo dal presupposto che le competenze non si possono trasmettere ma vanno sperimentate attraverso attività collaborative che coinvolgano gli studenti sul piano cognitivo, culturale, emotivo e sociale, oltre ad allenarsi sull’argomento della lezione, gli alunni che sperimentano la didattica capovolta mettono in pratica la cooperazione che porta con sé numerosi vantaggi.


Nel modello flipped l’inversione riguarda non solo i contenuti (teaching at home, learning at school) ma anche i tempi del processo formativo, in quanto il lavoro a casa avviene prima dell’attività in classe.


RIBALTAMENTO DEGLI AMBIENTI FORMATIVO

A CASA

anticipazione dei contenuti
(apprendimento individuale)
 

IN CLASSE

approfondimento

(apprendimento cooperativo)



La lezione capovolta, dunque, comincia realmente con il lavoro a casa che svolge una vera e propria funzione di preparazione al successivo approfondimento in classe.

L’insegnante si configura così come facilitatore che mette la propria esperienza e preparazione al servizio degli alunni attraverso una vicinanza pedagogica che supporta i bambini in caso di aspetti non chiari, che può identificare in modo più puntuale eventuali difficoltà, migliora la relazione educativa, interviene su Bisogni Educativi Speciali.



 
Esci Home